giovedì 1 aprile 2010

Il peso del pensiero

Il peso del pensiero

Ho già meno timore
di quel sottile confine
di quella labile soglia
oltre quale passare.
Ma oggi non perdo
resto su quel filo
sottile e robusto
che è voglia di Te.
Lento nel passo
sento tutto il peso
di quel pensiero
insistente e cinico.
Non posso vivere
così non posso
senza saper
dove sei.

© Max 18.03.2010

1 commento:

NATAKARLA ha detto...

Buongiorno, Max.
Ero passata solo a salutarti, ma come non rileggere la tua poesia?
Ed ho trovato un nuovo significato a quel peso, una nuova prospettiva, un nuovo Max.
Carla