venerdì 13 febbraio 2009

Dove sei




Dove sei

Un giorno dopo l’altro
all’ombra dei pensieri
siede un vecchio
stanco e sempre solo,
rughe come solchi
vestono quel volto
dove immemore
il sorriso non ha casa,
per quegl’occhi opachi
non c’è lacrima pietosa
e in quello sguardo
si specchia il nulla,
un disperato coraggio
ha gelato il dolore
nel cuore mai un ricordo
tra le mani solo il rimorso.

Max 09.01.09

2 commenti:

NATAKARLA ha detto...

Max, ti avevo già detto che era bella e dolorosa.
Hai scritto di quello che non vorremmo diventare mai: senza compassione, nè ricordi, solo rimorsi come compagni.
Spero che a noi non succeda.
Ciao, vecchio orso....
Grazie del Link. Carla

Emozioni ha detto...

Arrivare al tramonto della vita solo con i rimorsi deve essere veramente una cosa terribile.
Poesia molto profonda.
A presto.
Un abbraccio...:-)
Cinzia